Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

canali tv test

  • In onda i canali test

    Sono in onda i cartelli con segnale in formato HEVC Main 10 che servono per stabilire se un televisore è già compatibile con i nuovi segnali cui tutte le emittenti del digitale terrestre dovranno adeguarsi entro il 2022 I cartelli sono posizionati alle LCN 100 (RAI) e 200 (Mediaset), trasmessi rispettivamente dai mux Rai 1 e Mediaset 4, quelli con la migliore copertura nazionale per raggiungere la maggior parte del territorio.

    Se quindi i canali appariranno dopo una risintonizzazione del televisore significa che l'apparecchio è già compatibile con il nuovo formato e sarà pronto al momento dello switch off verso il DVB-T2 che avverrà tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022. Se invece i cartelli non sono visibili vuol dire che bisogna provvedere ad adeguare il tv con un ricevitore esterno aggiuntivo oppure bisognerà cambiare l'apparecchio.

    I canali test creeranno anche un po' di malumore

    Questi canali, certamente utili per avere garanzia della compatibilità dei propri apparecchi con le trasmissioni del futuro, potranno destare anche un po' di sorpresa e malumore in considerazione del fatto che alcuni apparecchi anche di recentissimo acquisto potrebbero fallire il test. Infatti, non solo la codifica è HEVC ma è anche Main 10, ovvero con il profilo a 10 bit, incompatibile con molti decoder e con i TV meno blasonati.

    Nessuna informazione: un'occasione persa per informare i consumatori

    Colpisce poi la laconicità del messaggio, semplicemente una scritta con la codifica: "HEVC Main 10". Nulla insomma che rassicuri i cittadini non ancora completamente informati che, se si vede la scritta, allora il TV è OK.

    Inoltre, la cosa più strana è che il canale venga messo in lista (con la label "Test HEVC Main10") solo dai TV compatibili ma si "rifiuta" di farsi sintonizzare dai TV non compatibili, che quindi neppure lo inseriscono nell'elenco dei canali. Così, andando su un TV non compatibile, viene semplicemente dato un messaggio di "canale non disponibile" e non uno schermo nero con l'etichetta del canale, cosa che avrebbe molto meglio chiarito la ricezione e la mancata decodifica.

    In questo modo, ai possessori di TV non compatibili, resterà sempre il dubbio di non essere riusciti a sintonizzare il canale. Insomma, per paura di toccare delicati interessi e forse anche per qualche titubanza sul futuro delle trasmissioni (chissà se mai si farà il passaggio all'HEVC Main 10?) il canale è stato messo in onda come da indicazioni del Ministero ma in maniera così criptica che solo chi già sa capisce. E gli altri, continueranno a non avere chiaro il loro destino televisivo.

    Il segnale viene trasmesso con la modalità High Efficiency Video Coding con Main 10 in definizione 720p ma è sempre in DVB-T dato che non è stato creato un multiplex DVB-T2 per l'occasione. In alcune zone del paese sui canali 100 e 200 potrebbero già essere presenti alcune emittenti locali, in questi casi il televisore dovrebbe chiedere di risolvere manualmente il conflitto tra le due emissioni.