Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

R1 - Robot Humanoid

Categoria: Notizie
Pubblicato: Martedì, 19 Luglio 2016

Si chiama R1 il robot destinato alla produzione industriale su larga scala per entrare nelle case per lavorare al fianco dell'uomo. Progettato dal gruppo di Giorgio Metta, nell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), R1 è fatto per il 50% di un materiale economico come la plastica, è alto 125 centimetri e può 'allungarsi' fino a 140, magari per afferrare un oggetto su una mensola con le mani a forma di pinza e rivestite di pelle artificiale; non ha gambe ma ruote, ha un corpo bianco e slanciato e la sua faccia è un display scuro che può assumere espressioni stilizzate, come un emoticon.

R1 Robot

Il nome completo del robot domestico è R1-your personal humanoid ed entro il 2017 il è in programma la messa a punto del modello di produzione e commercializzazione su larga scala, la cui produzione è legata al coinvolgimento di investitori privati.
Della squadra dell'Iit che lo ha progettato fanno parte 22 giovani ricercatori e tecnici guidati da Giorgio Metta, il 'papà' di iCub, e un gruppo di designer e esperti di entertainment e illustratori di Milano e Barcellona.

Pesante circa 50 chilogrammi, R1 e è realizzato per il 50% in plastica e per il 50% in fibra di carbonio e metallo. E' il 'fratellino' del famoso iCub, il robot umanoide con il volto di un bambino utilizzato per la ricerca in molti laboratori di robotica di tutto il mondo ed è stato concepito per lavorare nelle case. Potrebbe anche essere utilizzato negli ospedali.

R1 è unico nel suo genere: hardware e software sono stati sviluppati insieme ed è stato progettato 'su misura' per poter interagire con l'uomo nel modo più produttivo, senza suscitare ansia o paure. Anche il suo corpo è frutto della collaborazione con un gruppo di psicologi.

 

Windows 10 no al miliardo

Categoria: Notizie
Pubblicato: Lunedì, 18 Luglio 2016

Microsoft sta provando in tutti i modi a spingere gli utenti all'upgrade, ma a quanto pare nemmeno le tattiche di ingegneria sociale più spinte, gli aggiornamenti che non si possono rifiutare e l'advertising a pieno schermo aiuteranno Windows 10 a raggiungere il miliardo di dispositivi installati entro il 2018.

logo Windows 10

L'obiettivo era stato dichiarato trionfalmente dal management al momento del debutto del nuovo OS come servizio di Redmond, stabilendo che entro l'anno fiscale 2018 l'intero ecosistema di Windows 10 avrebbe incluso ogni genere di dispositivi incluse console di videogiochi (Xbox One), IoT, smartphone e tutto quanto. PC e tablet avrebbero altresì rappresentato la fetta più grande del parco macchine basato su nuovo sistema.

Microsoft continua a parlare di un'adozione entusiastica da parte degli utenti, ma a giocare contro il raggiungimento del fatidico miliardo da qui a un paio d'anni sarà a quanto pare la scarsa presenza di Windows 10 nel mercato dei gadget mobile - quello stesso mercato mobile da cui la corporation è volutamente uscita e per cui non intende rilasciare novità almeno fino all'anno prossimo.

 

Sid Barrett

Categoria: Notizie
Pubblicato: Giovedì, 07 Luglio 2016

È scomparso da dieci anni portando con sé tutti i misteri che il genio artistico può lasciare inesplorati. Syd Barrett oggi avrebbe settant'anni e forse continuerebbe a vivere lontano dai riflettori, come ha fatto negli ultimi decenni della sua esistenza. Il "crazy diamond" dei Pink Floyd, il padre della band britannica che ha fatto la storia del rock, è stato la sintesi perfetta del genio e di un disagio mai perfettamente compreso dagli altri, malgrado l'affetto dei fan, che non hanno mai smesso di recarsi a Cambridge con la speranza di poterlo incontrare, e il legame profondo con i suoi compagni di viaggio, primo fra tutti Roger Waters, che a pochi giorni dalla sua dipartita tra le lacrime, durante un concerto a Lucca, gli ha dedicato una versione struggente di "Wish you were here". A ripercorrere la vita artistica e interiore del "guerriero indomito, che aveva scelto di diventare pazzo per dare un senso metafisico a una musica che ancora oggi appare straordinariamente innovativa, arriva - dopo le anticipazioni di un anno fa - la biografia "Syd Diamond, un genio chiamato Barrett" del giornalista Mario Campanella, edita da Arcana e uscita nelle librerie nei giorni del tour italiano di David Gilmour, dal risuonare delle note di "Shine on you Crazy Diamond" tra Roma, Pompei e Verona.

Sid Barrett

Campanella rende omaggio all'"uomo che tra la ricchezza e l'immensità della gloria aveva scelto la seconda opzione", trascrivendo interviste a persone che Syd Barrett aveva incontrato lungo la sua strada, tra cui suo nipote Ian, e approfondendo i comportamenti dell'artista, spesso associati a disturbi di schizofrenia, bipolarismo o epilessia. "Le ricerche che ho svolto, per lungo tempo, attraverso documentazioni originali, confronti, colloqui con eminenti psichiatri, - scrive il giornalista - portano invece alla conclusione che egli soffrisse di una forma particolare di Asperger, una condizione dello spettro autistico che spesso si accompagna alla normalità, ma che fu portata all'ennesima potenza (nel suo caso) dall'uso disinibito di droghe pesanti". Una ricerca che consente alle migliaia di fan di ieri e di oggi di sciogliere il "gomitolo nel quale si addensano i dogmi della genialità e della irrequietezza" del musicista, talvolta confusi con atteggiamenti di pura trasgressione. "Le sinapsi della storia possono essere intellegibili fino a un determinato punto, ma poi mostrano la loro pienezza", scrive Mario Campanella: la sua biografia vuole dare un contributo alla memoria di Syd Barrett, gettando luce sulla vulnerabilità, sullo smarrimento e sui misteri che avvolgono il geniale musicista spentosi il 7 luglio del 2006 per un tumore al pancreas, ma consegnato all'eterna sopravvivenza della storia.

Fonte ANSA

 

Bluetooth versione 5

Categoria: Notizie
Pubblicato: Giovedì, 23 Giugno 2016

Bluetooth si aggiorna alla versione 5 per prepararsi all’avvento dell’era Internet of things (IoT). I punti di forza e le specifiche del nuovo standard di comunicazione senza fili a corto raggio, sei anni dopo il rilascio dell’ultima release.

Bluetooth

È stato presentato a metà giugno. Parliamo di Bluetooth 5, il nuovo standard di comunicazione che raddoppia la velocità, quadruplica la portata rispetto all’ultima versione e si prepara all’avvento dell’era Internet of things (IoT).

La nuova release è stata presentata dal Bluetooth Special Interest Group (SIG) sei anni dopo l’adozione dello standard 4.0. Il nuovo standard di comunicazione senza fili a corto raggi cambierà l’approccio delle persone all’IoT. Internet delle Cose diventerà quasi “naturale”.

Dalle specifiche della versione 5.0, emerge che il nuovo standard è stato ideato per sviluppare una rete di comunicazione che assicuri, sulla breve distanza, una banda di comunicazione sufficiente allo scambio dati tra elettrodomestici connessi ed altri dispositivi smart dell’Internet of Things.

1) Il chip Bluetooth ha una banda di comunicazione di 2 megabit al secondo (il doppio rispetto alla release 4.2).

2) Inoltre è capace di sincronizzarsi e comunicare con dispositivi distanti fino a 300 metri (distanza quattro volte superiore rispetto al range della versione 4.2).

3) Il tutto avviene senza pesare sul consumo di energia elettrica. Il consumo energetico si mantiene sugli stessi livelli della precedente release.

I dettagli completi sullo standard verranno rilasciati nei prossimi mesi.

 

Soja a Milano nel mese di ottobre

Categoria: Notizie
Pubblicato: Giovedì, 16 Giugno 2016

I Soja, noto gruppo reggae, hanno annunciato che il loro tour europeo, "Return of redeye", passerà anche a Milano all'Alcatraz, il 24 ottobre 2016.

Soja

Il tour toccherà anche Irlanda, Inghilterra, Olanda, Belgio, Francia e Spagna.

 

Sottocategorie

  • Sport

    Sport per Tutti

    Conteggio articoli:
    52
    • Calcio

      Calcio news

      Conteggio articoli:
      9
  • Notizie dal web

    Seleziona un articolo da leggere

    Conteggio articoli:
    28
  • Curiosità

    Curiosità dal web

    Conteggio articoli:
    48

Tutte le Categorie per Tutti