Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

Spid per tutti

Categoria: Notizie
Creato: Giovedì, 18 Dicembre 2014 Pubblicato: Giovedì, 18 Dicembre 2014

Parte il countdown per il decollo del Pin unico, denominato Spid, il sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale. Un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri detta i tempi per l'attuazione, stabilendo che entro 60 giorni dalla pubblicazione del decreto, ovvero ai primi di febbraio (il dpcm è uscito il 9 dicembre) saranno definite le procedure per il rilascio del Pin.

Spid per tutti

Lo Spid "insieme all'anagrafe unica rappresenta lo strumento portante dell'agenda per la semplificazione". Lo ha spiegato il ministro della P.A., Marianna Madia, durante un'audizione in Commissione Semplificazione, per lo "spid o pin unico, il risultato atteso è di avere tre milioni di utenti con l'identità digitale entro settembre 2015 e dieci per dicembre 2017".

Sarà quindi possibile avere una sola chiave per accedere ai diversi servizi web (Inps, Agenzia Entrate, Comuni, scuole, Asl). Il decreto fissa le tappe per arrivare alla sua concretizzazione, precisando che il compito spetterà all'Agenzia per l'Italia digitale che entro trenta giorni dalla pubblicazione del Dpcm, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, "definisce con proprio regolamento le regole tecniche e le modalità attuative per la realizzazione dello Spid". Nell'arco di 60 giorni invece disciplinerà "le modalità di accreditamento dei soggetti Spid".

Soprattutto, entro i due mesi, l'Agenzia stabilirà le modalità per "consentire ai gestori dell'identità digitale, tramite l'uso di altri sistemi di identificazione informatica conformi ai requisiti Spid, il rilascio dell'identità digitale".

Copyright ANSA

 

 

Blitz della polizia a Sidney

Categoria: Notizie
Creato: Lunedì, 15 Dicembre 2014 Pubblicato: Lunedì, 15 Dicembre 2014

Blitz della polizia alla caffetteria di Sydney dove per diverse ore un uomo armato ha tenuto in ostaggio decine di persone. Nel corso del blitz almeno due persone sarebbero rimaste uccise e quattro ferite, di cui tre in condizioni critiche. Tra i morti ci sarebbe anche il sequestratore, tra i feriti un poliziotto.

Blitz della polizia a Sidney

Il blitz delle forze dell'ordine è iniziato quando un gruppo di sei ostaggi è riuscito a fuggire. Si sono sentiti colpi di arma da fuoco per almeno 60 secondi. Al termine i paramedici sono entrati nella caffetteria, portando via delle persone in barella. Un robot antibomba manovrato dagli artificieri è entrato in azione nel locale alla ricerca di possibili ordigni.

Il sequestratore avrebbe fatto riferimento all'esistenza di quattro ordigni, due piazzati nel locale in cui si trova con gli ostaggi, altri due all'interno del distretto finanziario della città.

L'uomo si era barricato chiedendo di poter parlare con il primo ministro australiano Tony Abbott. Il sequestratore è un predicatore iraniano, chiamato Man Haron Monis, che ha ottenuto asilo in Australia. Haron è attualmente libero su cauzione in seguito a una serie di accuse per reati violenti ed è stato condannato per aver scritto lettere offensive a famiglie di soldati australiani deceduti.

Il sequestratore ha esposto alla finestra una bandiera nera islamica. Lo ha riferito un corrispondente della Bbc aggiungendo che successivamente l'uomo ha chiesto agli agenti di polizia di avere una bandiera dello Stato Islamico.

Il sequestratore poco prima di entrare nel bar aveva minacciato di morte un passante, Craig Stocker: l'uomo ha raccontato al Daily Telegraph che era appena uscito dal Lindt Cafè per dirigersi a un vicino ospedale quando è andato a sbattere contro un uomo che portava un'ingombrante sacca sportiva blu. Stocker ha detto all'uomo di fare attenzione e quello si è voltato dicendogli a muso duro: "Vuoi che spari anche a te?". "L'ho guardato negli occhi - ha aggiunto Stocker - e ho visto che aveva uno sguardo da pazzo. Mi sono molto spaventato". La sua descrizione del sequestratore combacia con quella dell'individuo poi visto attraverso la vetrina della cioccolateria mentre minacciava gli ostaggi.

"Non posso pensare a niente di più terrificante che trovarsi in una situazione di questo tipo e i nostri cuori sono con quelle persone", ha dichiarato il premier australiano Tony Abbott. "L'Australia è una società pacifica, aperta e generosa", ha sottolineato. Tutto è iniziato in mattinata (ora locale) all'arrivo della gente sul posto di lavoro nella zona di Martin Place. Testimoni hanno visto un uomo armato e con una borsa entrare nella cioccolateria dove al momento sembrava si trovassero dieci dipendenti e una trentina di clienti. Le forze dell'ordine hanno evacuato i vicini edifici e circondato l'intera zona. Dopo sei ore circa di assedio, tre persone sono uscite. E un'ora dopo altri due ostaggi sono stati liberati.

Tra gli ostaggi nessun italiano, secondo quanto ha reso noto il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

Intanto, su siti arabi e non solo, tanti i messaggi che inneggiano al sequestratore. "Oh eroi, uccidete tutti gli ostaggi. L'Australia e tutti i Paesi del mondo - scrive un lettore a commento di un articolo pubblicato sul sito della tv qatariota al-Jazeera - devono capire che sono stati loro a iniziare". Il lettore chiede quindi di "uccidere tutti gli ostaggi, perché il loro Paese che fa appelli alla libertà, ci attacca e ci bombarda. Non abbiate pietà dei loro popoli, perché loro sono come i governi che eleggono. Uccideteli tutti e distruggeteli, come loro fanno con noi. Fate in modo che spendano il loro denaro per proteggere sé stessi e non per bombardarci".

Non mancano i commenti di lettori che condannano il sequestro di Sydney, che sono la maggioranza sul sito di al-Arabiya, tv satellitare concorrente di al-Jazeera. Ma anche sul sito della Cnn in lingua araba si contano decine di messaggi a favore del sequestratore. "Tanti auguri agli australiani - si legge in uno dei commenti - questo è solo l'inizio". Un gruppo di oltre 40 organizzazioni musulmane attive in Australia ha condannato il sequestro, definito un "atto spregevole". "Rifiutiamo - si legge nella nota congiunta dei 40 gruppi musulmani - ogni tentativo di colpire la vita di qualunque essere umano innocente o di infondere paura e terrore nei loro cuori". Poco prima anche il Gran Mufti di Australia, Ibrahim Abu Mohamed, e il Consiglio nazionale degli Imam avevano condannato con fermezza il sequestro, definendolo come un "atto criminale" e sostenendo che "questo genere di azioni è condannato dall'Islam".

Intanto la comunità ebraica australiana ha deciso la massima allerta per tutte le sue scuole e istituzioni. Secondo il sito Australian Jewish News, sono state cancellate tutte le gite scolastiche e varate misure di sicurezza più strette. Il Community Security Group, ovvero il gruppo responsabile della sicurezza in seno alla comunità ebraica, ha invitato gli ebrei australiani a rimanere vigili e a segnalare oggetti o attività sospette.

Violato lo spazio aereo svedese

Categoria: Notizie
Creato: Domenica, 14 Dicembre 2014 Pubblicato: Domenica, 14 Dicembre 2014

Un jet militare russo stava per scontrarsi con un aereo di linea svedese appena decollato da Copenhagen. Lo ha annunciato oggi l'esercito della Svezia ma l'incidente è avvenuto ieri a sud della città di Malmoe.

"Abbiamo avuto la conferma dal ministero della Difesa che si trattava di un aereo russo", ha detto Johannes Hellqvis, portavoce delle forze armate svedesi, spiegando che una volta scoperta la presenza del velivolo russo sono subito decollati jet svedesi e danesi.

sfiorato scontro

L'episodio arriva in un periodo di grande tensione tra la Russia e la Svezia dovuta al 'mistero' di un sottomarino fantasma nelle acque dell'arcipelago di Stoccolma, che i media svedesi ritenevano essere russo, e alle ripetute violazioni dello spazio aereo dei paesi Baltici da parte di Mosca.

In questo caso il jet in questione non ha violato lo spazio aereo svedese, come ha spiegato il ministro della Difesa, ma volava senza il trasponder, uno strumento che rende l'aereo rintracciabile sui radar dei voli di linea. un fatto questo che il ministro della Difesa ha definito "irresponsabile". Il volo di linea non è stato identificato ma secondo i media svedesi era diretto in Polonia. Un altro incidente del genere era stato evitato lo scorso marzo, quando un aereo della Scandinavian Airlines si trovò a 100 metri da un velivolo russo.

Campionato Italiano Lega Pro

Categoria: Notizie
Creato: Sabato, 13 Dicembre 2014 Pubblicato: Sabato, 13 Dicembre 2014

Appassionati di calcio campionato di Lega Pro, se volete vedere qualsiasi partita in diretta streaming collegatevi a questo link:

http://www.sportube.tv/index.php/sports/legapro

Tutte le partite sono in diretta streaming, ottima visualizzazione senza interruzioni e soprattutto gratis, è sufficiente collegarsi 5 minuti prima dal fisco di inizio e poi godersi lo spettacolo di una serie cadetta sempre avvincente.

Sportube.tv è la WebTV dello Sport, trasmette Eventi Sportivi LIVE ed OnDemand in Streaming.

 

 

Angelus Papa Festa Immacolata

Categoria: Notizie
Creato: Lunedì, 08 Dicembre 2014 Pubblicato: Lunedì, 08 Dicembre 2014

"Il messaggio dell'odierna festa dell'Immacolata Concezione della Vergine Maria si può riassumere con queste parole: tutto è Grazia, tutto è dono gratuito di Dio e del suo amore per noi". Lo ha affermato Papa Francesco nel discorso che ha preceduto oggi la preghiera dell'Angelus, nel quale è tornato a ripetere - sulla scorta del Vangelo - che la Chiesa deve offrire gratuitamente quanto gratuitamente ha ricevuto. "L'Angelo Gabriele - ha ricordato - chiama Maria 'piena di grazia: in lei non c'è spazio per il peccato, perchè Dio l'ha prescelta da sempre quale madre di Gesù e l'ha preservata dalla colpa originale. E Maria corrisponde alla grazia e vi si abbandona".

Continua il Papa: "di fronte all'amore, alla misericordia, alla grazia divina riversata nei nostri cuori, la conseguenza che s'impone è una sola: la gratuità". "Come abbiamo ricevuto gratuitamente, così - ha spiegato -gratuitamente siamo chiamati a dare; ad imitazione di Maria, che, subito dopo aver accolto l'annuncio dell'Angelo, va a condividere il dono della fecondità con la parente Elisabetta. Perchè, se tutto ci è stato donato, tutto dev'essere ridonato. In che modo? Lasciando che lo Spirito Santo faccia di noi un dono per gli altri; che ci faccia diventare strumenti di accoglienza, di riconciliazione e di perdono".

"Se la nostra esistenza si lascia trasformare dalla Grazia del Signore, non potremo trattenere per noi la luce che viene dal suo volto, ma- ha concluso il Pontefice citando un verso della Divina Commedia - la lasceremo passare perchè illumini gli altri.Impariamo da Maria, che ha tenuto costantemente lo sguardo fisso sul Figlio e il suo volto è diventato 'la faccia che a Cristo più si somiglia. E a lei ci rivolgiamo ora con la preghiera che richiama l'annuncio dell'Angelo".

In questa festa l'Azione Cattolica Italiana vive il rinnovo dell'adesione. Rivolgo un pensiero speciale a tutte le sue associazioni diocesane e parrocchiali". Lo ha detto Papa Francesco dopo l'Angelus. "La Vergine Immacolata - ha poi invocato - benedica l'Azione Cattolica e la renda sempre più scuola di santità e di generoso servizio alla Chiesa e al mondo".

 

 

 

Pubblicità Comparativa

Categoria: Notizie
Creato: Lunedì, 24 Novembre 2014 Pubblicato: Lunedì, 24 Novembre 2014

ROMA - Troppa pubblicità che può confondere i consumatori, evidenza ad imprese con cui si sono conclusi accordi e da cui si hanno provvigioni, confronti di prodotti disomogenei. Sono alcune delle criticità "di trasparenza e correttezza" dei siti di comparazione rc auto denunciate dall'Ivass che chiede correttivi entro il 31 gennaio 2015. L'indagine, comunica l'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni, ha preso spunto dalla forte diffusione della comparazione on line di prodotti assicurativi nel settore rc auto (circa 12,9 milioni di preventivi effettuati nel 2013 attraverso 6 siti operanti in Italia).

Dalle verifiche sono emersi "diversi profili di criticità per i consumatori". In primo luogo "i siti comparano solo (o prevalentemente) i prodotti di poche imprese con cui hanno concluso accordi e da cui percepiscono provvigioni in relazione a ciascun contratto stipulato attraverso di essi. Il numero delle compagnie pubblicizzate è in genere superiore a quello delle imprese effettivamente confrontate e la comparazione è basata esclusivamente sul prezzo e non tiene conto delle diverse caratteristiche dei prodotti in termini di massimali, franchigie, rivalse ed esclusioni.

Ciò comporta "il confronto di prodotti disomogenei e non sempre adeguati alle esigenze assicurative dei consumatori, rischio amplificato dalla diffusa pratica dell'abbinamento automatico di coperture accessorie non richieste dall'utente". In più, denuncia ancora l'Ivass, i siti fanno largo uso di messaggi pubblicitari formulati in modo da ingenerare nei consumatori il convincimento di poter ottenere notevoli risparmi ("fino a 500 euro") e di acquistare il "miglior prodotto" o di rivolgersi alla "migliore impresa". Non indicano tuttavia i criteri di valutazione dei prodotti e delle imprese né le basi di calcolo del risparmio promesso. Per questo l'Authority è intervenuta sugli intermediari assicurativi che gestiscono i siti comparativi oggetto della indagine chiedendo di adottare "specifiche misure correttive" entro il 31 gennaio del prossimo anno.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

 

 

Omicidio suicidio a Milano

Categoria: Notizie
Creato: Sabato, 18 Ottobre 2014 Pubblicato: Sabato, 18 Ottobre 2014

Milano - Sabato 18-10-2014

Omicidio-suicidio all'alba di oggi a Milano dove un 43enne di nazionalita' filippina ha ucciso il figlio di 16 anni, ha ferito anche la moglie e la figlia ventenne, per togliersi poi la vita. La tragedia e' avvenuta intorno alle 7 di stamattina in un appartamento di kargo Camillo Caccia Dominioni. A dare l'allarme alla polizia e' stata moglie, di 50 anni, anche lei filippina, che e' stata trasportata in codice giallo all'ospedale Fatebenefratelli. E' stata colpita da una coltellata alle spalle.

La figlia della coppia e' stata invece trasportata all'Humanitas di Rozzano, dove sara' operata per le ferite subite all'addome. Al loro arrivo gli agenti hanno trovato il padre disteso sul letto, con il coltello piantato in gola. Ai piedi del letto giaceva il cadavere del figlio, anch'egli colpiti alla gola. Le cause dell'omicidio-suicidio sono ancora in fase di accertamento.

 (Affaritaliani.it )

A Genova piove tanto per cambiare

Categoria: Notizie
Creato: Sabato, 11 Ottobre 2014 Pubblicato: Sabato, 11 Ottobre 2014

Genova, 11 ottobre 2014 - Notte di paura a Genova, con il ponente cittadino colpito duramente dagli imponenti temporali che hanno nuovamente flagellato la citta'.

 

Panico nella notte nelle strade limitrofe al rio Ruscarolo, a Sestri Ponente, dove l'acqua ha superato gli argini invadendo bassi e abitazioni al piano terreno, fondi e magazzini.

Sentinelle in Piedi

Categoria: Notizie
Creato: Lunedì, 06 Ottobre 2014 Pubblicato: Lunedì, 06 Ottobre 2014

Monza - 5-10-2014

Duecento persone si sono radunate oggi pomeriggio davanti al duomo di Monza. In silenzio ciascuno in piedi ha letto un libro o una rivista. E’ la protesta, appunto silenziosa e pacifica, delle “Sentinelle in piedi”: rivendicano la libertà di pensiero e di educazione della famiglia naturale, fatta da uomo e donna.

piazza Duomo, Monza, Sentinelle in piedi

«Non ci stiamo -dice Benedetta Frigerio, 31 anni, caratese, che fa da portavoce - con i il progetto di legge che il Governo sta preparando e che mira a equiparare le unioni fra persone dello stesso sesso, al matrimonio. Non ci stiamo con il ddl Scalfarotto che vieta addirittura la possibilità di esprimere, cioè di insegnare che la famiglia è fatta da un padre -uomo - e da una madre -donna -, pena l’accusa di omofobia, con il rischio concreto della carcerazione».

Predizione di Papa Francesco

Categoria: Notizie
Creato: Domenica, 24 Agosto 2014 Pubblicato: Domenica, 24 Agosto 2014

Ultimamente ha un bel po' di pensieri per la testa: Papa Francesco sta trascorrendo le sue vacanze impegnato in viaggi diplomatici e si dice pronto a visitare gli scenari di guerra in tutto il mondo, angosciato e preoccupato dalla situazione attuale.

predizione papa francesco

Non per questo però perde il suo senso dell'umorismo: sull'aereo di ritorno dalla Corea del Sud, scherzando con alcuni giornalisti italiani, Papa Bergoglio ha parlato del tempo che gli resta da vivere. Concludendo con nonchalance: "Perché io so che questo durerà poco tempo. Due o tre anni e poi ... alla casa del Padre!"
Il 77enne Bergoglio si da quindi un paio di anni di vita ancora: ed è in questo lasso di tempo, evidentemente, che spera di portare a termine il grande cambiamento della Chiesa che con lui è iniziato.
Intanto per il Papa è arrivata una bruttissima notizia: il 19 agosto sono morti in un incidente stradale la moglie di suo nipote e due figli piccoli. L'incidente è avvenuto a Cordoba, in Argentina, mentre la famigliola rientrava da un fine settimana di vacanza. Bergoglio, informato da un telegramma, si è detto profondamente addolorato ed ha chiesto a tutti coloro che partecipano al suo dolore di pregare con lui.

 

Sottocategorie

  • Sport

    Sport per Tutti

    Conteggio articoli:
    51
    • Calcio

      Calcio news

      Conteggio articoli:
      9
  • Notizie dal web

    Seleziona un articolo da leggere

    Conteggio articoli:
    28
  • Curiosità

    Curiosità dal web

    Conteggio articoli:
    48

Tutte le Categorie per Tutti