Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

Morto George Michael

Categoria principale: ROOT Categoria: Notizie Creato: Lunedì, 26 Dicembre 2016 Pubblicato: Lunedì, 26 Dicembre 2016

Aveva 53 anni. La polizia: "Non ci sono circostanze sospette" legate alla scomparsa dell'artista. Il manager: "E' stato ucciso da un problema cardiaco".La sua lunghissima carriera: 100 milioni di dischi in 40 anni.

George Michael

Londra - “Last Christmas”, era il titolo di uno dei suoi successi più clamorosi (1986, con gli Wham!) e questo 25 dicembre 2016 per lui è stato davvero l’ultimo Natale: «È con grande tristezza che confermiamo che il nostro amato figlio, fratello e amico George è passato a miglior vita in casa sua. La famiglia chiede sia rispettata la privacy in questo difficile momento». George Michael è morto: con questo annuncio diffuso nella notte dal suo staff, è stata confermata la scomparsa del celebre cantante, avvenuta proprio nel pomeriggio del giorno di Natale.

George Michael aveva 53 anni. Il suo vero nome era Georgios Kyriacos Panayiotou ed era nato nel nord di Londra. Nella sua carriera ha venduto oltre 100 milioni di copie, una carriera lunga, durata quasi quattro decenni. Divenne celebre nel corso degli Anni 80 quando fondò - era il 1981 - con Andrew Ridgeley gli Wham!, duo cult del periodo, durato peraltro 5 anni, dopodiché George Michael intraprese la carriera da solista.

I soccorsi - riferisce la Bbc - sono arrivati nell’abitazione nel primo pomeriggio. La polizia precisa che «non ci sono circostanze sospette» legate alla morte dell’artista.

Michael, dopo i successi iniziali, aveva avuto lunghi periodi in cui si era eclissato, per poi tornare sul palco. Uno dei motivi dei suoi alti e bassi era legato ai problemi con la droga, che lo portarono anche in tribunale e in carcere.

Michael aveva un sessualità ambigua, più omo che etero, e anche questo contribuì alla creazione del suo personaggio.

Il suo singolo ”I Want Your Sex” fu censurato dai programmi diurni delle radio ma diventò una delle sue hit più grandi. Michael cantava: «Io voglio il tuo sesso, voglio te... Allora, perché non ti lasci andare, mi piacerebbe molto provare, oh, mi piacerebbe davvero sapere quando mi dirai che stai per cambiare idea, poi ti dirò che ti amo, eppure mi dici ancora di no!».

Nel giro dei successivi cinque anni, Michael piazzò sei brani al primo posto delle classifiche mondiali: “Faith”, “Father Figure”, “One More Try”, “Praying For Time” and il duetto con Aretha Franklin “I Knew You Were Waiting For Me”.

Ma un trauma importante per lui fu l’arresto del 1998 per “atti osceni” in una toilette del Will Rogers Memorial Park di Beverly Hills, in California. «Mi sento stupido, sconsiderato e debole per aver permesso che la mia sessualità fosse esposta in questo modo a tutti - dichiarò alla Cnn - . Ma non sento vergogna per la mia sessualità. Posso provare a capire perché ho fatto quello che ho fatto, ma riflettendo devo ammettere che forse parte della mia eccitazione sta proprio nel fatto che potrei essere scoperto».

Michael ebbe rapporti con donne e disse ai propri familiari di essere bisessuale, prima di dichiararsi pubblicamente gay e combattere alcune battaglie in favore dei diritti degli omosessuali.

«Brilla con le altre stelle luccicanti - ha commentato dopo la sua morte l’attore di Startrek e attivista Lgbt George Takei - Tu hai trovato la tua libertà, la tua fede. E’ stato il tuo ultimo Natale e ci mancherai».

Dal punto di vista politico, Michael fu attivo contro Margaret Thatcher e dichiarò di votare laburista. Ma non esitò a schierarsi contro Tony Blair quando il premier si unì a George W. Bush nella guerra in Iraq. «Sono triste di sapere che è morto, era un artista eccezionale e un grande suppporter della comunità Lgbt», ha commentato l’attuale leader dei Labour, Jeremy Corbyn.

La morte di George Michael chiude un anno terribile per la musica popolare, iniziato con la fine di David Bowie , seguito poi da altri mostri sacri come Prince, Leonard Cohen e Greg Lake. Ultimo prima di Michael è stato Rick Parfitt, chitarrista degli Status Quo, morto sabato a 68 anni.

 

 

 

Visite: 1094

Tutte le Categorie per Tutti