Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

Fine era Moratti (InterVista)

Categoria principale: Sport Categoria: Calcio Creato: Martedì, 15 Ottobre 2013 Pubblicato: Martedì, 15 Ottobre 2013

"C'è tutto l'amore per una certa cosa, e allo stesso tempo se non la soddisfazione, il sollievo di pensare che l'hai messa in mani buone, di gente molto perbene"

MILANO-  Il Presidente Massimo Moratti ha rilasciato alcune dichiarazioni ai cronisti che lo attendevano sotto gli uffici della Saras.

Avete firmato, Presidente?

'E' stato firmato tutto, credo che ci sarà il comunicato stampa in poche ore'.
Soddisfatto per come si è chiusa la vicenda?
'Sì, soddisfatto, i tempi sono stati lunghi, ma mi sembra che la cosa sia equilibrata, sia fatta bene'.
Cosa si sente di dire in questo momento ai tifosi?
'Aspettiamo di fare il comunicato stampa, poi vediamo, anche per me, tutto questo che faccio finta che sia abbastanza regolare, filtrato, e tutto, è chiaro che è sorprendente sotto il profilo del comportamento, delle responsabilità e quindi vedrò un po' cosa mi sentirò di dire'.

Le spiace un po'?
'Quando cambi qualcosa nella vita, non sai se ti dispiace o se ti adatti a un ritmo diverso. Vediamo se poi il ritmo sarà diverso, perchè non credo proprio al momento. Certo hai tutto l'amore per una certa cosa, allo stesso tempo hai se non la soddisfazione, il sollievo di pensare che questa cosa l'hai messa in mani buone, di questo sono sicuro perchè è gente molto perbene, buona, anche da un punto di vista caratteriale'.

L'Inter conserverà ancora la sua anima particolare, quella che lei le ha dato?
'Ogni Presidente dà una sua impronta, questo senza dubbio, ci sarà forse col tempo un'impronta anche diversa, questo non lo so. L'importante è che sia sempre rispettosa di quello che è il resto del mondo, oltre che della propria attività e credo che queste persone abbiano in mente anche questo'.

Rimarrà Presidente?
'Questo non lo so'.

Slitterà il closing a dopo l'assemblea dei soci?
'Questo ha un'importanza relativa, naturalmente devo fare l'Assemblea il 28, ci sono gli obblighi proprio di date, collegate al bilancio scorso, poi per quanto riguarda la parte nuova, se non facciamo a tempo, e non credo, si può fare un'assemblea straordinaria dopo qualche giorno'.

La decisione sulla presidenza dipende solo da lei?
'Sì, credo di sì. Insomma, vedremo'.

Moratti: c'è un momento della sua vita nel quale è stato più commosso di oggi?
"A parte che non è concluso ancora niente, ci sono ancora tanti passaggi. Questo è un momento di attenzione, non ci si può perdere nella commozione. Poi ci sono tutti i sentimenti che ci possono essere in una situazione del genere. Ma è un momento soprattutto di attenzione per il bene della società, che tutto venga fatto in termini tali che la società ne abbia un vantaggio. Questo è il mio interesse".

Sarà un Moratti due o un Thohir uno?
"Non lo so, non lo so. Ve lo dirò".

Qual è il sentimento che prevale?
"Quando si sta facendo una certa cosa, si cerca di fare bene la cosa che si sta facendo. Poi dopo i sentimenti che prevalgono sono mille e si deve cercare di fare ordine".

Ventitre trofei con la famiglia Moratti, due terzi di quello che ha vinto l'Inter. Una storia che nessuno vorrebbe mai che finisse...
"Sì, ma sotto un certo aspetto continua perchè rimango comunque nella società. Quindi vedremo se è utile, o per quello che posso essere utile continua. Poi qualcun altro dimostrerà anche lui di essere bravo, certamente".

Visite: 2280

Tutte le Categorie per Tutti