Visitando il nostro sito Web l'utente accetta che stiamo usando i cookie
per assicurare la migliore esperienza di navigazione.

The Wailers - Destiny

Categoria principale: ROOT Categoria: Video Pubblicato: Domenica, 07 Febbraio 2021

The Wailers - indivisibili da Bob Marley ovviamente, ma la band ha sempre avuto a che fare con musicisti creativi, che hanno bisogno non solo di guadagnarsi da vivere ma anche di uno sbocco per la propria produzione musicale. Ovviamente, fintanto che il nome esiste, dovranno suonare le canzoni di Marley, e questo è tutto per il bene. Ma una pubblicazione come questa, la prima uscita in studio della band in oltre un quarto di secolo, può anche dare loro l'opportunità di introdurre della buona, nuova musica originale a sé stante.

Non commettere errori, questa band si è evoluta. Ci sono stati numerosi cambiamenti di formazione nel corso degli anni, anche se a volte in Destiny , potresti essere perdonato per aver pensato che lo stesso Marley fosse lì. La linea di sangue è ovviamente: la figlia di Marley, Cedella e suo figlio Skip, fanno sentire la loro presenza immediatamente nell'apertura di "One World, One Prayer", anche un singolo dall'album), e Julian Marley suona molto come suo padre in "When Love È giusto". La band include ancora membri che hanno sostenuto Marley, e anche la generazione più giovane è rappresentata qui dal batterista Aston Barrett Jr. e dal cantante Josh David Barrett.

L'appeal internazionale di Bob Marley è sottolineato dalla presenza di diversi interpreti del mondo della musica latina; il produttore del set è Emilio Estefan, e contribuiscono anche la star portoricana Farruko ei Natiruts dal suono radicale. Arriva anche Shaggy, aggiungendo un po 'di sapore dancehall a questo set di one-drop per lo più orecchiabili, una bella miscela di reggae classico e contemporaneo con "What A Shame", anche un po' di influenza ska con "Walk And Talk (Never Go Astray)" . Il gonfiabile "Only In Jamaica" potrebbe benissimo diventare un altro tema del consiglio turistico dell'isola !.

In tutto, gli arrangiamenti ripagano un attento ascolto. Spesso succede di più di quanto sia evidente al primo ascolto. Come ci si potrebbe aspettare, la band non si è fermata ma le radici sono ancora profonde ed evidenti.


 

Visite: 127

Tutte le Categorie per Tutti